Infrastrutture e Sicurezza

Creare l'infrastruttura nazionale per l'Identity management

Disporre di una infrastruttura nazionale federata per la gestione dell'identità digitale è essenziale per gestire l'integrazione tra i servizi delle amministrazioni. Questo fondamentale tema è stato trascurato e incompreso a livello nazionale dove è stato confuso con il tema della distribuzione di un documento basato su smart card (CIE).che si vuole utilizzare anche per l'accesso in rete.

Le Regioni hanno da tempo affrontato con il progetto ICAR INF3 sul piano architetturale organizzativo e di standardizzazione questo tema infrastrutturale, ma limitandosi, e solo in alcuni casi, ad una gestione interna ai servizi propri. Si tratta di affrontare il tema a livello normativo con l'introduzione degli Identity Provider e a livello gestionale per assicurare la funzionalità a livello nazionale del servizio.

Perseverare negli errori normativi e pratici del passato pensando che la CIE possa essere uno strumento e l'unico di accesso ai servizi via web sarebbe diabolico e sarebbe ignorare la domanda come mai le banche non utilizzano tecnologie basate su smart card per l'accesso in internet ai propri servizi.ma tecnologie di challenge response che utilizzano device OTP o simili.

Inoltre non si considera il fatto pratico che per la gran parte dei servizi non è l'interessato che accede direttamente ma un suo delegato con la propria identità e attributi.

Su questa materia è stato detto e scritto tutto. Si veda il documento allegato sottoscritto dai maggiori esperti della materia di cui uno regalato di recente agli Stati Uniti

Tags

Attachments

- [ Show all ]

Voting

25 votes
26 up votes
1 down votes
Active
Idea No. 266