e-Government e Open Data

ITERAP coordinamento/gestione arrivo extracomunitari in Italia

ITERAP è un progetto sperimentale che per 3 anni ha coordinato l'arrivo degli stranieri extracomunitari regolari (arrivi per lavoro sub-ordinato o domestico, ricongiungimenti familiari) nella provincia di Vicenza. Ha coinvolto la Prefettura e gli operatori dello Sportello Unico per l'Immigrazione, tutti i 121 comuni e le 4 U.l.s.s. di Vicenza, la Questura e altre importanti enti.

Il progetto è stato realizzato con il patrocinio ed il finanziamento della Regione Veneto. Ora che il progetto ha completato la fase sperimentale è pronto per essere adottato a livello centrale e replicato nelle varie provincie italiane.

 

Qual'è l'idea del progetto?

Creare un sistema di coordinamento e di scambio di informazioni tra tutti gli enti che sono coinvolti nell'arrivo di ogni nuovo cittadino straniero, fornendo loro un sistema web che li aiuti nella gestione delle pratiche e nell'inserimento sociale di queste nuove persone.

 

Come funziona la procedura di arrivo in Italia per gli extracomunitari?

Facciamo un esempio: un extracomunitario che lavora e risiede in Italia chiede il ricongiungimento della moglie e del figlio (il procedimento è analogo se un datore di lavoro chiede l'arrivo di un lavoratore straniero).

Il richiedente viene convocato in Prefettura la quale verifica la documentazione presentata e, se tutto regolare, consegna il nulla-osta al richiedente. Con questo documento i familiari all'estero riescono ad ottenere il visto di ingresso e possono partire per l'Italia.

All'arrivo in Italia (o altro paese area Shengen) ha 8 giorni di tempo per presentarsi in Prefettura e richiedere il modulo di richiesta del Permesso di Soggiorno ed il Codice Fiscale temporaneo. Con questo va nel Comune di residenza e chiedono la residenza, vanno all'ulss e ottengono il tesserino sanitario.

 

Difficoltà?

Non essendoci un ordine di arrivo allo sportello si formavano lunghe code. Il comune e l'Ulss "scoprivano" l'arrivo di moglie e figlio quando si presentava allo sportello del Comune.

 

Cosa abbiamo fatto?

Abbiamo sviluppato un portale web e collegato Prefettura, Comuni, Ulss. Al momento della richiesta la Prefettura invia al Comune di residenza del richiedente i dati dell'appartamento e il Comune può svolgere dei controlli. Il Comune è in grado di fare verifiche più approfondite. Stessa cosa per l'Ulss. Al momento di rilasciare il nulla osta, se ci sono segnalazioni di anomalia, la Prefettura può fare le opportune modifiche. Abbiamo sviluppato un sistema di prenotazione per lo sportello che evitasse alla madre ed il bambino di fare lunghe code in condizioni di affollamento e arrivare "su appuntamento", migliorando notevolmente anche il lavoro degli operatori dello sportello.

Al momento dell'arrivo della moglie e del figlio la Prefettura lo comunica anche a Comune e Ulss. I nuovi arrivati hanno 20 giorni di tempo per iscriversi. Se non si iscrivono i comuni avvisano sempre attraverso il portale l'anomalia e la Prefettura avvisa quindi la Questure e l'Ufficio delle Entrate (nel caso di ingresso per lavoro anche la Guardia di Finanza).

Gli enti seguono quindi i nuovi cittadini in tutte le fasi di iscrizione e arrivo e per ogni fase danno tutte le informazioni su documenti da presentare, allegati, orari dei vari uffici, migliorando e rendendo efficiente tutto il processo amministrativo.

 

Dal portale si possono ovviamente estrarre tutti i dati statistici in forma anonima che la Prefettura, i Comuni e le Ulss possono fornire ai vari uffici ed enti. Per esempio dal sistema è possibile estrarre, comune per comune, tutti i bambini in eta scolare che ARRIVERANNO NEI PROSSIMI MESI e che dovranno essere inseriti nelle varie classi scolastiche. Si puo' "preparare in anticipo" l'inserimento scolastico, sapendo esattamente quanti maschi/femmine - eta - area e stato di provenienza.

 

Il tutto via web, in modo facile e immediato, senza consumare carta e ottimizzando il lavoro di tutti gli attori coinvolti.

 

Per un approfondimento si consiglia la lettura del pdf di presentazione all'indirizzo http://www.iterap.it/presentazione

Tags

Voting

8 votes
8 up votes
0 down votes
Active
Idea No. 310